Viaggio da BCN a San Francisco

Viaggio da BCN a San Francisco

Viaggio da BCN a San Francisco in famiglia

Dalla nostra città di residenza, Barcellona, siamo partiti per un viaggio di circa due mesi a San Francisco. Lo so, mi state invidiando, noi che viviamo già in un posto di vacanze amato da tanti italiani, abbiamo pure la fortuna di visitare San Francisco, città famosa per la sua ricchezza culturale e ambita anche dagli americani...

Più che fortuna, è una questione di opportunità che abbiamo deciso di prendere anche a un costo piuttosto alto. Quest'esperienza ci sta permettendo di provare com'è la vita negli Stati Uniti e di fare un confronto con Barcellona.

Per chi viaggia a San Francisco in vacanza o per lavoro con tutta la famiglia, posso dare già qualche consiglio:

Il Volo

Da Barcellona siamo usciti di casa alle 8:00 di mattina. A San Francisco siamo entrati nell'appartamento alle 18:30 ora locale, ovvero alle 3:30 di mattina per noi. In totale circa 20 ore di viaggio.

Devo dire che è stato bello vedere il panorama cambiare. Dalla nostra finestrella d'aereo abbiamo visto l'oceano, i ghiacciai e il deserto!

Come potete immaginare, tra vari check-in, scalo a Londra, controlli e attese varie il volo è stato...sì, è stato apocalittico, eterno e snervante. Ma siamo sopravvissuti. Era la prima volta che prendevo un volo intercontinentale, per giunta con mio figlio di quasi cinque anni. 

Un'esperienza che mi è servita per sapere cosa portare in viaggio la prossima volta:

  • Tanti giochi, riviste, album da colorare, cuffie grandi per la TV visto che quelle del cellulare cadono continuamente dalle orecchie dei bambini che quindi non vi lasciano in pace neanche davanti allo schermo.
  • Libro dal soggetto frivolo da iniziare e finire in volo.
  • Copertina e cuscino girocollo (sì come quello dei giapponesi).
  • Scarpe da ginnastica e calzetti lunghi, maglietta a maniche lunghe e maglioncino, foulard (l'aria condizionata ammazza).
  • Snack e panini, gomme da masticare.
  • Salviette e fazzolettini.
  • Carta di credito (il bar accetta ordini dallo schermo del sedile e si paga con c.c.).
  • Tanta pazienza!

Jet Lag

Arrivando si sera, anche se per noi era già notte fonda, e sfiniti nonostante l'excitment generale, ci siamo subito messi a letto. Il bambino, già cotto, si è addormentato non appena entrati in auto dall'aeroporto.

La mattina dopo ci siamo svegliati alle 7:00 circa, come se nulla fosse. In realtà eravamo stanchi e alle 14:00 già pronti per la nanna. Io poi mi sono beccata subito l'influenza a causa dell'aria condizionata, della stanchezza e del cambio di clima, credo. A Barcellona siamo partiti con 28 gradi, qua ce n'erano 15 con un venticello che frega.

Insomma, per recuperarsi, in condizioni normali, ci vogliono due o tre giorni, poi il corpo prende il ritmo giorno-notte locale.

La prima spesa

Avendo affittato un appartamento su Airbnb.com, non avevamo la possibilità di scendere al ristorante od ordinare qualcosa dalla cucina per colazione come si fa quando si alloggia in hotel. Abbiamo quindi messo piede fuori casa e trovato un mini-market dove abbiamo comprato le prime cose per la colazione. 

Poi, io e mio figlio (il papà era già dovuto andare in ufficio sin dal primo giorno!) ci siamo avventurati giù per la collina, verso downtown, Union Square. Qua si trovano negozi e locali tra i più commerciali e conosciuti ovunque, catene di franchising ecc..

Noi, per istinto, ci siamo fermati in una "pizzeria" tipo Pizza Hut in piccolo, un po' vecchiotta, stile film americano. Una fettona di pizza ciascuno e via. Abbiamo iniziato subito con l'esperienza gastronomica delle porcherie americane. In realtà qua a San Francisco ci sono anche buoni ristoranti, ma in altre zone credo.

pizza.JPG

La prima vera spesa, però, consiglio di farla online su Instacart.com, che offre la consegna a domicilio in due ore dall'ordine. Praticamente uno shopper in carne e ossa si incarica di fare la spesa per te andando nel negozio scelto per prendere i prodotti selezionati. I negozi sono quelli più vicini alla tua zona, ma per noi assolutamente sconosciuti e comunque lontani senza auto. La prima spesa ha consegna gratuita, dopo dipende dall'ordine, ad esempio noi abbiamo speso circa 6 dollari su una spesa di 78 dollari. Ah, i prezzi sono quelli dei negozi, non c'è ricarico.

Detto questo, la mia impressione è che negli Stati Uniti il costo del cibo sia alto, soprattutto per i prodotti freschi. Inoltre, qua a San Francisco c'è una tassa che si applica sui prodotti alimentari. Tutto però è in confezioni grandi quindi il rincaro si compensa abbastanza con quello che si riceve.

In generale, comunque, i prezzi di tutti i prodotti, anche vestiti, scarpe ecc. sono ex-tax. Le tasse si aggiungono alla fine, quindi attenzione! Si pensa di comprare a un prezzo mentre alla fine il totale è più caro dell'8,75%, circa il 10% insomma. 

Questi i miei primi consigli basati sull'esperienza personale nei primi giorni a San Francisco. Se avete domande scrivetemi, o se volete lasciare un commento, go ahead! 

Due settimane a San Francisco

Due settimane a San Francisco